salta la barra


Comune di Prato

 indietro
10/12/2015 11:16
Prato Festival 2015 Cultura Musica e spettacolo: divertimento per tutti i gusti ed etÓ

Prato Festival, gli appuntamenti di venerdý 11 dicembre

Questo il programma di Prato Festival per la giornata di domani, venerdì 11 dicembre:

Al circolo ricreativo F. Favini in via Po, 4 a Chiesanuova, alle 19, ci sarà l'incontro partecipato di letture poetiche "Poecity, azioni urbane di poesia". Nel mese che conclude un ciclo annuale e prepara a un nuovo inizio, "Poecity" invita a una lettura condivisa di poesie sul tema "terra" in un gioco di cittadinanza attiva in tre diversi luoghi della città. L'ingresso è gratuito.

Alla Casa Circondariale "La Dogaia", alle 20.30, andranno in scena i "Gatti mezzi", duo pisano di cantanti, in collaborazione con il collettivo Teatro Metropopolare. La musica ritorna in carcere, e lo fa con un evento che, dopo l'avvio sperimentale dello scorso anno, l'assessorato alla cultura del Comune ha voluto rendere un appuntamento fisso all'interno del Prato Festival. Nelle loro canzoni, rigorosamente in dialetto, raccontano il mondo della Pisa popolare: i contadini, il matto della città, i pescatori in bnocca d'Arno, dando voce a personaggi riesumati tra le pieghe dei ricordi. 

Al centro civico Pitigliani, al Soccorso, alle 21.30, andrà in scena  "Il Topo", omaggio al poeta pratese Raffaello Pecchioli.

Alla casa del Popolo di Coiano, alle 21, "Vi odio cari studenti", letture e conversazioni da P.P.Pasolini, di e con Maila Ermini. Lo spettacolo rievoca il processo mediatico subito da Pasolini dopo la pubblicazione della poesia dal titolo "Il PCI ai giovani" in seguitp ai fatti di Valle Giulia nel 1968, quando gli studenti occuparono l'università e Pasolini prese le difese dei "celerini", suscitando scandalo.

Allo Spazio Teatrale Allincontro, in via Nistri 19, alle 21, il gruppo "Varchi Attivi, ZTT, Zona a Traffico Teatrale, presenta "Dell'arrendersi" di The Loom - Movement Factory. La resa alle proprie paura, alle proprie debolezze, alla probabile tragedia che ci rappresenta. Quando toccare il fondo ci prepara ad una risalita.

Nel salone corale Verdi, in via S. Trinita, alle 21.30 sarà protagonista la musica lirica della "Corale Verdi", a cura del Comitato Cittadino delle Attività Musicali.

Al teatro Fabbricone, alle 21, sarà in scena "Giochi di famiglia". La voglia di scappare e allontanarsi dai luoghi in cui si è nati e cresciuti, per sfuggire ad un'identità che non si è scelta e con la quale si è comunque costretti a confrontarsi. "Giochi di famiglia" racconta di quattro bambini soli che giocano a fare gli adulti ed è proprio aderendo alla cattiveria del mondo che ci circonda che questi ci offriranno la possibilità di guardarci dentro l'anima e d'incontrarci con la brutalità che ognuno di noi nasconde dentro di sè.

1599/15

Condividi su: Condividi su Facebook Condividi su Google Bookmarks Condividi su Twitter
 indietro  inizio pagina