salta la barra


Comune di Prato

 indietro
30/12/2015 12:26
Sindaco Urbanistica Domani, giovedý 31 dicembre la pubblicazione del bando. Le domande entro il 15 febbraio 2016

Il Parco centrale di Prato, un nuovo polmone verde in centro storico

Biffoni: "Consegneremo il parco entro la fine della legislatura, a meno che non ci siano contrattempi dovuti alla consegna dell'area da parte della Asl, che deve fare la demolizione e bonifica "

Un nuovo polmone verde in pieno centro storico, in un'area di circa tre ettari, in grado di cambiare il volto della città, di renderla più contemporanea, vivibile ed attrattiva. E' così che si trasformerà l'area dell'ex Ospedale Misericordia e Dolce.

Domani, giovedì 31 dicembre, sarà pubblicato il bando del "Parco centrale di Prato", un concorso internazionale di architettura a procedura ristretta con preselezione, per la realizzazione del nuovo parco.

"Consegneremo il parco alla città entro la fine della legislatura, a meno che non ci siano contrattempi dovuti alla consegna dell'area da parte della Asl, che deve fare la demolizione e la successiva bonifica - ha spiegato il sindaco Matteo Biffoni -. L'area dell'ex Ospedale Misericordia e Dolce rappresenta una grande sfida per questa amministrazione, uno degli interventi a cui tengo di più e che sarà in grado di cambiare il volto di Prato. Il nuovo parco sarà collocato in un'area che, per la sua localizzazione, dovrà diventare la nuova porta d'ingresso significativa al centro storico. Un ulteriore tassello che si andrà così ad aggiungere ai progetti di riqualificazione della zona del Serraglio e piazza del Mercato Nuovo e del Macrolotto Zero, tre aree strategiche della città che la trasformeranno in un polo sempre più attrattivo, vivibile e fruibile da tutti, pratesi e non. Realizzare un parco di oltre tre ettari all’interno delle mura trecentesche ha di per sé qualcosa di fortemente dirompente ed unico, accade raramente di assistere a interventi di dimensioni così considerevoli all’interno di parti di città antiche e consolidate".

Il costo totale per la realizzazione del parco è di 7 milioni e 580 mila euro. Il progetto del nuovo parco di tre ettari prevede due lotti funzionali, completamente accessibili.

"Prato è una città contemporanea, giovane, multietnica e innovativa. L’area dell’ex Ospedale Misericordia e Dolce rappresenta uno degli obiettivi strategici principali nei quali il Comune di Prato è attualmente impegnato - ha aggiunto l'assessore all'Urbanistica Valerio Barberis -. La sua trasformazione, oggetto di questo concorso internazionale, prevede la realizzazione di un nuovo grande parco urbano di circa 3 ettari a servizio della città. Un nuovo luogo pubblico, che dovrà divenire attrattivo a livello di area metropolitana e per flussi del turismo culturale internazionale, grazie alle funzioni in esso contenute e grazie alla qualità e innovazione nel trattamento delle aree verdi, alla presenza dell’arte e di architetture dalla forte connotazione contemporanea: un nuovo luogo dell’oggi inserito all’interno di un contesto storico e prezioso, in grado di veicolare l’immagine di Prato come la città della contemporaneità della Toscana".

L'obiettivo del concorso è ripensare complessivamente l’area ex ospedale, realizzando un parco urbano attrezzato, esemplificativo di un luogo della contemporaneità, inserito in un contesto storico importante e qualificato. Non si tratta di una zona chiusa da muri e cancelli, ma di un'area prevalentemente aperta, in grado di diventare fulcro di vitalità sia dentro che fuori le mura. Si andranno così ad aprire tre ulteriori porte di accesso al centro storico: piazza del Collegio, via Santa Caterina e il nuovo parco.

Progetto. L'area complessiva del parco è di circa tre ettari. Non si può costruire per una superficie superiore a 3000 mq e deve essere edificato un edificio di almeno 500 mq. In più potranno essere realizzati altri padiglioni. Nello specifico saranno realizzati due lotti.

Il primo lotto comprende la completa realizzazione delle aree verdi e quindi del parco, oltre a un volume della superficie minima di 500 metri quadrati che contenga, tra le altre cose, i servizi essenziali al parco stesso. Saranno inoltre individuate le aree dove potranno essere collocati ulteriori padiglioni. Il costo complessivo è di 5 milioni e 500 mila euro (4 milioni e 500 mila euro per l'area verde, 1 milione per il padiglione).

Il secondo lotto funzionale prevede la realizzazione degli altri fabbricati. Il costo è di 120 mila euro per la fase di progettazione e 1 milione e 500 mila euro per la realizzazione.

Calendario concorso. Le domande di ammissione al concorso dovranno essere inviate entro il 15 febbraio 2016. Ogni candidato dovrà presentare il proprio curriculum vitae ed un dossier contenente al massimo cinque progetti o realizzazioni effettuate. Il 29 febbraio 2016 terminerà la prima fase di preselezione con la valutazione da parte della commissione e la spedizione dell'invito a partecipare al concorso vero e proprio ai concorrenti selezionati. Passeranno alla fase successiva 10 progettisti e 5 riserve. Entro il 20 maggio 2016 dovranno essere consegnati gli elaborati progettuali; il 20 giugno 2016 sarà individuato il progetto vincitore e sarà resa pubblica la graduatoria definitiva.

Giuria. La commissione giudicatrice, designata sulla base di specifiche competenze, anche su scala internazionale, è composta da 5 membri effettivi: il presidente (un architetto di chiara fama), un paesaggista, un urbanista, un critico di architettura e un funzionario tecnico. In giuria anche 2 membri supplenti: due professionisti con almeno 10 anni di iscrizione, scelti nell'ambito di un elenco fornito dal Consiglio nazionale dell'Ordine degli Architetti e da quello degli Ingegneri. La Commissione Giudicatrice ha il compito di esaminare la documentazione inviata dai concorrenti e di selezionare massimo 10 soggetti da ammettere alla fase del concorso. Al termine del concorso la Commissione provvederà ad individuare il vincitore cui verrà affidato l’incarico.

Premi. Il primo classificato si aggiudicherà 40 mila euro per l'acquisizione del progetto preliminare e 250 mila euro per il progetto definitivo ed esecutivo; gli altri nove partecipanti al concorso riceveranno 13 mila euro ciascuno.

Tempistiche per la realizzazione del Parco. Il nuovo Parco centrale di Prato sarà pronto entro la fine della legislatura, ossia maggio 2019. Il 1° settembre 2016 inizierà la demolizione e la bonifica dell'area da parte della Asl, operazione che terminerà nell'arco di un anno e mezzo (entro l'estate 2018). Una volta bonificata, l'area verrà acquisita dal Comune di Prato e inizieranno subito i lavori per la costruzione del primo lotto del parco. Il secondo lotto sarà poi completato successivamente.

Tutte le informazioni sul Parco, il bando e il documento preliminare per l'avvio della progettazione sono reperibili al seguente link: http://www.ilparcocentralediprato.it/.

adr

1698/15

Condividi su: Condividi su Facebook Condividi su Google Bookmarks Condividi su Twitter
 indietro  inizio pagina