salta la barra


Comune di Prato

 indietro
29/11/2017 11:03
Polizia Municipale cinesi Polizia municipale Denunciate tre persone, sequestrata la confezione e il veicolo usato per lo smaltimento

Sigilli al Pronto moda che gestiva illecitamente gli scarti tessili

Il trasportatore era lo stesso giÓ "pizzicato" in un controllo pochi giorni fa

Per la seconda volta nel giro di pochi giorni la Polizia Municipale è tornata nel Macrolotto mettendo i sigilli ad un Pronto Moda cinese che smaltiva illecitamente gli scarti tessili in discariche abusive affidandoli allo stesso connazionale non autorizzato "pizzicato" pochi giorni fa. Infatti già nella giornata di mercoledì era stata messa sotto sequestro una ditta di confezione cinese ed erano stati denunciati i titolari della ditta, oltre al trasportatore cui era stato sequestrato il furgone carico con più di 2 tonnellate di rifiuti tessili. 

Gli agenti della Investigativa e del Nucleo Ambientale hanno continuato a tenere sotto controllo l'uomo, H.L. di 43 anni e nazionalità cinese, e quando venerdì pomeriggio lo hanno visto salire a bordo di un nuovo furgone lo hanno seguito fino ad un'altra ditta di confezione, dove lo ha caricato di sacchi neri (circa 1000 kg) ed è ripartito. Gli agenti della Investigativa lo hanno fermato ed hanno proceduto al sequestro del secondo furgone. 

Con il Nucleo Ambientale è stata contemporaneamente passata al setaccio la ditta all'interno della quale sono stati trovati due soli lavoratori, entrambi clandestini. E' stata sottoposta a sequestro la documentazione rinvenuta relativa a vecchi smaltimenti, mentre vana è stata la ricerca di formulari per lo smaltimento regolare dei rifiuti negli ultimi mesi; presenti però altri 40 sacchi di scarti tessili pronti per una nuova spedizione. Sono scattati i sigilli alla ditta. Il titolare è stato denunciato sia per la gestione illecita dei rifiuti che per lo sfruttamento della manodopera clandestina. 

Questo complesso intervento va ad aggiungersi agli ultimi controlli operati dalla Polizia Municipale nella scorsa settimana, controlli che oramai vengono svolti a 360° e che riguardano l’intera filiera produttiva del settore tessile. 

E’ di pochi giorni fa la notizia del sequestro operato sempre dalla Polizia Municipale ad un impianto di recupero rifiuti per violazioni alla normativa ambientale.

I controlli nella zona del Macrolotto continueranno anche in futuro con l'obiettivo di intercettare i rifiuti alla fonte e procedere al sequestro delle attività produttive che, per evitare spese, immettono i rifiuti in un circuito che non ne consente il corretto smaltimento.

La normativa nel concetto di gestione illecita dei rifiuti include sia il produttore che il trasportatore: risulta pertanto di fondamentale importanza l'accertamento su chi produce e conferisce illecitamente i rifiuti oltreché su chi li raccoglie e trasporta ai fini dello smaltimento fuori da ogni regola. La nuova linea operativa, condivisa dalla Autorità Giudiziaria, prevede tolleranza zero : sequestro penale sia per la ditta produttrice dei rifiuti che non fornisce garanzia sulla tracciabilità sugli stessi, continuando a conferirli in maniera illegale, sia del veicolo sul quale sono caricati e trasportati.

cb

1509/17

Condividi su: Condividi su Facebook Condividi su Google Bookmarks Condividi su Twitter
 indietro  inizio pagina