salta la barra


Comune di Prato

 indietro
19/12/2012 10:53
Comune di Prato Integrazione Ieri pomeriggio in Palazzo comunale

Brindisi per i nuovi cittadini italiani

L'assessore Giorgio Silli: "Un plauso a chi, volendolo fortemente, riuscito ad ottenere la cittadinanza, giurando sulla Costituzione"

Si è tenuto ieri pomeriggio in Palazzo Comunale il brindisi di saluto voluto dall'Amministrazione per il conferimento delle cittadinanze italiane del 2012, alla presenza del sindaco Roberto Cenni, del presidente del consiglio comunale Maurizio Bettazzi e dell'assessore all'Integrazione Giorgio Silli.

Nell'anno che si sta per concludere è stata conferita la cittadinanza italiana a 229 persone fra uomini e donne, e l'Amministrazione ha deciso, a costo zero, di organizzare questo momento di incontro.

Soddisfatto il presidente del consiglio comunale Maurizio Bettazzi: "Con la giunta Cenni diventare cittadino italiano non è più soltanto un atto anonimo che si svolge tra le mura dell'ufficio anagrafe, ma una vera e propria cerimonia. Una risposta anche a chi, dalle pagine di un quotidiano straniero, ci ha accusato, infondatamente, di razzismo e scarsa integrazione".

"In Italia vige lo ius sanguinis - afferma l'assessore all'Integrazione Giorgio Silli - e quindi non è italiano automaticamente chi nasce sul suolo italiano. Ottenere la cittadinanza è frutto di un percorso che prevede dieci anni di residenza in Italia e almeno altri due/tre anni di iter burocratico, prima di poter giurare sulla Costituzione. Chi riesce ad ottenerla significa che l'ha fortemente voluta con tutto se stesso. Non possiamo quindi che plaudire a chi, per amore dell'Italia, è riuscito ad arrivare ad ottenere la cittadinnza".

2065/12

Condividi su: Condividi su Facebook Condividi su Google Bookmarks Condividi su Twitter
 indietro  inizio pagina